Speciale Internazionali d'Italia - Beccaccioli e la caduta degli Dei In evidenza

Scritto da  Set 04, 2016

Doriano Beccaccioli ha poco più di 20 anni e una carriera agonistica davanti. Romano, classe ’94, è salito presto alla ribalta delle cronache per i suoi successi maturati fin dalla più tenera età nei circuiti giovanili. La sconfitta di ieri, in un quarto di finale dal sapore epico contro l’accoppiata Garavini-Cramarossa, ha segnato la fine degli Internazionali per Beccaccioli, visibilmente provato a fine gara.

"Quando due anni fa vinsi – proprio su questa spiaggia – gli internazionali d'Italia piansi per la gioia” – ammette candidamente il giocatore nativo di Fiumicino. Una sconfitta “formativa” che potrebbe segnare un punto di svolta nella fase di maturazione di uno degli astri nascenti del nostro movimento. Una sconfitta arrivata contro l’amico e compagno degli ultimi due titoli ITF conquistati proprio sulla spiaggia di Levante. “Mi auguro – prosegue – che Marco Garavini, mio socio e maestro, ottenga il successo finale per il quarto anno consecutivo. Credo lo meriti per l’impegno e l’abnegazione mostrati in ogni singola gara, oltre che per le sue qualità tecniche fuori dalla norma”.

La dura realtà della sconfitta non viene mitigata neanche dai complimenti ricevuti. Le pacche sulle spalle degli addetti ai lavori e gli attestati dei fan (giovani e meno giovani) commuovono Doriano, che non maschera la delusione con frasi di circostanza, ma prova a metaforizzare il suo stato d’animo. “Proprio in questi momenti escono fuori le perle, quando ti trovi catapultato sul fondale accadono le cose più belle che ti consentono di risalire e riemergere di nuovo”.

Dopo una caduta, seppur rovinosa, arriva sempre il momento di rialzarsi. “Cosa mi aspetto dal futuro? Di continuare a giocare il beach tennis di sempre, senza condizionamenti di sorta. E poi di avere sempre a fianco il mio coach, i miei amici e mia madre, che sono la linfa vitale della mia carriera”.

All’ombra del Tempio di Giove Anxur fa sempre rumore la caduta degli Dei, soprattutto di quelli più giovani. I prediletti - da sempre -  per entrare nell'Olimpo. 

Ultima modifica il Domenica, 04 Settembre 2016 11:38
Luciano Savarese

Nato a Terracina il 1° febbraio 1989. Amante di tutto ciò di sferico che rotola su un campo rettangolare. Collaboratore presso diverse testate giornalistiche, sportive e non. Studia Lettere alla Sapienza di Roma.

You have no rights to post comments

  1. Popolari
  2. Trending
  3. Commenti

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31