L'intervista - Real Terracina, mister Olleia mette il Pavona nel mirino: "Come una finale. Tiriamoci fuori dalla lotta salvezza" In evidenza

Scritto da  Gen 05, 2018

La serie di 11 partite senza vittorie di inizio stagione sembra ormai un lontano ricordo per il Real Terracina. Le ultime convincenti uscite della squadra di mister Olleia hanno finalmente portato punti vitali ad una classifica che si stava man mano facendo sempre più deficitaria. Adesso, il Real Terracina punta dritto verso un posto per la salvezza diretta, resa possibile dalle ultime vittorie in serie conquistate dai biancocelesti. Ed è proprio da qui che vuole ripartire il tecnico biancoceleste:

- Mister Olleia partiamo dalle ultime tre vittorie consecutive: cosa è cambiato all'interno del Real Terracina?

Dopo la partita di Anzio ho deciso di bloccare il saliscendi da Prima Squadra alla formazione Under 21. Ho puntato su Rizzi, Di Fabbio, Cera, Di Sozio e Culi, dando più stabilità ai nostri giovani e alla squadra, in modo da concentrare tutte le attenzioni su un gruppo ben definito di calciatori.

- Al rientro subito un altro scontro di fuoco. Al PalaCarucci arrivierà il Pavona, ultimo in classifica a soli tre punti. Come affronterà questa gara il tuo Real?

Come sempre. E dunque, come l'ennesima finale da giocare con il coltello fra i denti e da vincere assolutamente. Dobbiamo riprenderci ciò che abbiamo lasciato all'andata, visto che il Pavona ha conquistato i suoi unici tre punti proprio contro di noi. Oltre questo, nella prossima giornata ci saranno altri scontri diretti e una vittoria potrebbe permetterci di tirarci fuori momentaneamente dalla zona calda della classifica.

- L'anno si è appena concluso ed è arrivato il momento di tracciare un primo bilancio della stagione: da cosa deve ripartire e cosa deve migliorare il Real Terracina.

Dobbiamo ripartire dalla voglia e dalla tenacia messa in campo da inizio anno, nonostante la brutta serie di sconfitte consecutive. I ragazzi non hanno mai mollato, assumendo i caratteri di una vera squadra che rispecchia perfettamente le mie idee. Dobbiamo invece migliorare sul piano tattico, siamo un gruppo giovane e alcuni giocatori fanno ancora fatica ad assimilare i diversi sistemi di gioco. Il mio obiettivo è quello di portare la squadra ad un livello tale che ogni giocatore potrà esprimersi nel migliore dei modi, indipendentemente dalla disposizione in campo. 

- Un nome su cui puntare in questo 2018.

Dico Saito, perché può dare molto di più di quello che sta dando attualmente. Il suo inevitabile periodo di ambientamento sta per volgere al termine e credo che questo possa essere davvero il suo anno. Occhio anche ai due giovani Cera e Rizzi, l'esperienza accumulata in questa prima parte di stagione potrà tornargli utile per compiere il definitivo salto di qualità.

Ultima modifica il Venerdì, 05 Gennaio 2018 13:10
Fabrizio Azzoli

Nato a Terracina il 12 Febbraio 1990. Laureato in Scienze della comunicazione, con una specializzazione conseguita in organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa. Si cimenta nell'arte della scrittura, avendo come grandi passioni la Lazio, gli Oasis e il Tottenham Hotspur.

You have no rights to post comments

  1. Popolari
  2. Trending
  3. Commenti

Calendario

« Gennaio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31