logo
Categoria: Altri sport
l-intervista-evasio-d-onofrio-guerriero-e-gentiluomo

L'intervista - Evasio D'Onofrio, guerriero e gentiluomo

Evasio D'Onofrio, 36 primavere, da 10 anni atleta professionista in campo con l'"Hammer Team" dell'head coach e stella delle MMA Mauro Cerilli. Peso medio (84 kg) in giro per per il mondo con varie promotions di caratura internazionale. Combattente "spietato" nella gabbia, anima candida e generosa nella vita di tutti i giorni.

Rampante fighter ormai di fama internazionale, rappresenta degnamente Terracina in ogni lembo di terra del pianeta, esaltandosi ed esaltando i suoi numerosi fans nella disciplina delle arti marziali miste più in voga del momento, ovvero le MMA (mixed martial arts). Il suo curriculum sportivo annovera più di venti combattimenti ufficiali, risultando uno degli atleti in attività con maggiore esperienza sia a livello domestico che europeo.

L'ultima sfida, disputata davanti a più di 15 000 persone nel suggestivo e imponente scenario della Mongolia orientale, lo ha consacrato definitivamente nel gotha del movimento. Un peso medio terracinese capace di tenere alto il vessilo tricolore in giro per il mondo, con il suo stile e la sua classe.

Contro l'americano Joe Ray, infatti, la sconfitta finale non ha intaccato le certezze e la nomea di D'Onofrio, protagonista di una sfida tirata ed intensa contro il Top American Team e strikeforce a stelle e strisce. "Credevo che la partita si sarebbe decisa più su scambi pugilistici, invece il mio avversario ha impostato una gara diversa con i calci che l'hanno fatta da padrone, sorprendendomi e rovinandomi il gameplan"- sottolinea con calma e sincera tranquillità D'Onofrio.

Le MMA come scuola di vita, palestra per il futuro dei giovani e rifugio per gli appassionati. D'Onofrio è partito da lontano, scegliendo la rincorsa verso le stelle alla comoda passeggiata in riva al mare. "Cosa penso di questo sport? Tutto il meglio possibile.

La nostra disciplina è dotata di un'etica speciale, permeata di rispetto e lealtà. Con un paragone del tutto personale, equiparo il nostro sport al tennis, con una sostanziale differenza: noi scambiamo i pugni mentre i tennisti una semplice pallina - sentenzia l'atleta tirrenico.

Dalla nobiltà insita nell'MMA all'espansione inarrestabile dello sport più completo di arti marziali. A Terracina, l'Hammer Team è una fucina di talenti, un punto di ritrovo sempre più allargato per gli amanti degli sport da combattimento. I recenti successi di Mauro Cerilli, dello stesso D'Onofrio e di tutti i ragazzi della palestra hanno contributo ad allargare ulteriormente il bacino di praticanti, rendendo Terracina terreno fertile per i futuri campioni.

"Grazie alle ultime imprese di respiro internazionale sia mie che soprattutto di Mauro (Cerilli ndr) le MMA hanno continuato a conquistare consensi nella nostra città. Siamo felici di poter contare su un gruppo affiatato ed appassionato di giovani, gestito in maniera impeccabile da un vero amico e da una persona straordinaria come Mauro Cerilli. Il nostro sport- prosegue D'Onofrio - contribuisce a forgiare il carattere e lo spirito di chi lo pratica. Certamente, però, cimentarsi in una disciplina così competitiva e logorante sotto ogni punto di vista non è da tutti: bisogna, infatti, essere predisposti più psicologicamente che fisicamente.

In attesa di frantumare altri record, Evasio D'Onofrio si gode la famiglia e prepara le sfide di domani. "Sono stato il primo italiano a combattere al "Kunlun Fight" in uno scenario mozzafiato, testando in modo tangibile l'essenza dell'MMA. Nei prossimi mesi scenderò di nuovo nella gabbia: non so contro chi e non so quando, ma certamente lo farò con l'ambizione e la passione di sempre - conclude con orgoglio D'Onofrio.

Uno che in riva al mare medita e prepara la prossima sfida alle stelle, scegliendo sempre quelle più luminose e lontane.

Top