logo
Categoria: Calcio a 11
hermada-marcuzzi-indica-la-rotta-il-nuovo-della-vittoria-un-orgoglio-per-il-nostro-borgo-il-rinnovato-organigramma-societario-il-punto-da-cui-ripartire

Hermada, Marcuzzi indica la rotta: "Il nuovo "Della Vittoria" un orgoglio per il nostro borgo, il rinnovato organigramma societario il punto da cui ripartire"

Febbraio 2016. L'Hermada del presidente Marcuzzi sistema le ultime carte per presentare un programma per il rifacimento del manto erboso del "Della Vittoria", pianificando un credito sportivo ultradecennale. Poi, all'improvviso, l' inattesa e salvifica illuminazione. "Lessi sul "Corriere dello Sport" di un bando ("Sport e Periferie" ndr)  indetto e finanziato dall'allora ministro dello sport Lotti e "sponsorizzato" dal Coni e accellerai i tempi sul progetto iniziale, apportando le modifiche necessarie per renderlo confacente ai requisiti richiesti dall'ente sportivo" - sottolinea con orgoglio e sincera soddisfazione il presidente rossoblu Marcuzzi.


1861 furono i progetti presentati in tutta Italia, di cui solo sedici effettivamente finanziati dall'ente sportivo."Abbiamo investito come società 20 000 euro per ammotizzare i costi dei 445 000  richiesti per il restyling completo della superficie del nostro campo, accaparrandoci quasi la metà dei denari investiti nell'intera regione dal Coni, aggiudicandoci i lavori per il nuovo sintetitco in tempi celeri e rispettando in pieno i parametri previsti, ponendoci addiriturra in "lista" per ottenere un altro finanziamento relativo a una nuova tribuna".

Venerdi scorso, alla presenza del presidente del Coni Giovanni Malagò, si è alzato il sipario sul nuovo "Della Vittoria" con una festa rossoblu cominciata nel primo pomeriggio con le gare della scuola calcio borghigiana , proseguita con l'esibizione canora e danzante di rappresentanti della folta comunità del bangladesh presenti al borgo e conclusasi con la "sfida istituzionale"  tra esponenti della politica, dipendenti comunali e rappresentanti della società civile. 

"Il nostro campo dovrà diventare un punto di aggregazione per l'intera comunità - prosegue Marcuzzi - , uno spazio dedicato allo sport e capace di integrare le diverse anime presenti nel borgo".  Diverse sensibilità e una squadra, quella di Promozione, pronta a cimentarsi in un torneo avvincente e contro piazze blasonate. " Sicuramente venderemo cara la pelle, consapevoli delle nostre potenzialità e dalla forza economica e storica di delle società presenti - rincara Marcuzzi, attivissimo in queste ore nella sessione di calciomercato insieme al diesse Marchiori. 


Per noi - continua il presidente rossoblu - la Promozione è un premio per il lavoro svolto l'anno scorso, il riconoscimento per gli sforzi e la solidità del nostro sodalizio". Con la Juniores d'Elite, fiore all'occhiello della prossima annata, in fase di allestimento l'Hermada si presenterà nel nuovo campionato con un organigramma societario rinnovato e con diverse riconferme, a partire dal tecnico proprio della "Berretti"Ramazzotto, coadiuvato nel suo stimolante ed arduo lavoro da Montella, per finire con l'intera scuola calcio affidata ad alcuni dei migliori tecnici presenti nel panorama provinciale e gestita - dopo le stagioni di De Benedetti - dallo stesso presidente. 

HERMADA 2018/19 , L'ORGANIGRAMMA SOCIETARIO

Presidente: 
Pierpaolo Marcuzzi
Allenatore Prima Squadra
: Fabrizio Pannozzo

Allenatore Juniores d'Elite: Fernando Ramazzotto, vice Ernesto Montella
Direttore Sportivo: Paolo Marchiori
Direttore Tecnico: Luciano De Filippis
Responsabile scuola calcio: Pierpaolo Marcuzzi
Allenatore Allievi: Fernando Di Crescenzo
Allenatore Giovanissimi: Mario Conte
Allenatore Esordienti: Ernesto Montella
Allenatore Primi Calci: Mario Conte
Allenatore "Piccoli Amici": Erasmo Spinosa
Preparatore dei portieri: Ivan Martinelli
Massaggiatore: Enzo Pandozzi
Fiosioterapista: Giovanni Fresia
Magazzinieri: Sisto Cerilli  e Alfredo Vitiello
Responsabile Juniores: Daniele Bagnariol
Team Menager Juniores: Daniele Pozzato
Dirigenti accompagnatori: Sicignano, Catalano, Zardo, Bagnariol, Moro, Coccia e  Ciprian. 
Top